Il futuro a 5 Stelle

Il futuro a 5 Stelle
Il futuro con il Movimento 5 stelle é un dono del cielo

giovedì 11 maggio 2017

Ecco perché scappano dall'Africa

Per ora teniamo per un'altra volta le ricchezze minerarie dell'Africa espropriate dall'occidente e da chi possiede il monopolio delle tecnologia avanzate, della quale solo questi utili basterebbero per sfamare e fare vivere degnamente tutti gli abitanti di questo pianeta. Non possiamo avere attenuanti, come occidentali, sulle responsabilità e per quanto male sia stato fatto in tutta l'Africa per secoli e secoli. Il discorso finirebbe qui con una condanna e senza nessun beneficio o sconto di pena.
Di cosa parliamo allora?
Parliamo di agricoltura Africana, parliamo di caffè, banane, cacao, noci di cocco e surrogati; e poi papaia, mango, avocado, cottone, zucchero di canna e di barbabietole, di datteri e tanti altri prodotti agricoli prodotti dalle comunità, dalle tribù, sfruttate e costrette alle soglie della schiavitù dalle multinazionali che hanno espropriato vastissime regioni per dare via alla vasta operazione di agricoltura intensiva per esaudire i bisogni dell' Europa e di tutto l'occidente, ma a prezzi variabili in un mercato vorace da esaudire : prendiamo il caffè per fare un'esempio. Il Caffè negli scaffali al dettaglio in occidente, compresa l'Europa varia per marchio qualitativo dai 7 euro al chilo a oltre 20 Euro al chilo secondo la qualità; mentre per produrlo spendono meno di venti Cent al chilo, uguale quale sia la qualità; e così é per tutti i prodotti africani da esportazione. Le banane costano anche meno, non piú di 10 Cent al chilo alla base. prezzi discriminatori che pesano sulle spalle di chi lavora dall'alba a l tramonto per produrli la quale guadagnano veramente una miseria; guadagnano talmente poco che non riuscirebbe a ricomprare neppure un chilo di caffè lavorato, sudato e prodotto da loro stessi
 C'è qualche cosa che non torna vero?
Quello che non va é che la manodopera non viene retribuita equamente come avrete capito; non vengono pagate tasse, Iva, affitti o altro attinente alla produzione; e il piú che indigna, é che nulla viene reinvestito in quella regioni se non per rigenerare la produzione con le stesse tecniche di sfruttamento iniziate secoli fá.
Insomma in Africa lo sfruttamento e pari alle condizioni di schiavitù. 
Unica premura delle multinazionali é corrompere i governi fantocci che rispondono in tutto agli ordini. Diversamente i fantocci possono essere sostituiti con facilità con colpi di stato veloci e risolutivi secondo esigenza delle forze internazionali dominanti, e poi ci mandano le forze nato come supervisori e garanti della pace, della falsa pace che serve solo alle medesime per continuare a operare in sicurezza. Insomma se alzano poco poco ad alzare la testa gliela mozzano; i terroristi dahesh a confronto sono dei pivellini...
É sempre Stato così in Africa sin dai tempi delle colonizzazioni, e le cose in qualche modo oggi vanno anche peggio.
L'occidente sfrutta ancora mamma Africa, la spreme come un limone non permettendo nessuna forma di sviluppo sociale; dove non puó arraffare la lascia inaridire, la lascia morire negando ogni forma di aiuto concreto. Lo sanno che negando la tecnologia in Africa, si nega anche la vivibilità. Tutto calcolato nei minimi particolari. Eppure basterebbe costruissero degl acquedotti al posto degli oleodotti per rendere moltissime nazioni africane autonome e indipendenti. 
Vogliamo parlare delle istituzioni religiose che operano in Africa? Per quel che ho appurato da osservatore forse é meglio sorvolare, ma una cosa la voglio dire: anche queste ultime, che poi sono le prime a cercare anime da convertire anche negli anfratti piú sperduti dell'Africa: hanno forse portato civiltà, cultura, conoscenza? Ma neanche per uno beato stimolo di solidale e fraterno altruismi, se mai gli hanno aiutati ad abbassare la testa in segno di riverenza e sottomissione, facendo loro intendere che portare le mutande al posto del tuttú di giunco fosse anche segno di civiltà. Poi hanno portate le magliette i pantaloni etc. ma mai insegnarono questi popoli a tessere, né ci portarono un telaio. Oggi é ancora cosí; la differenza delle proporzioni e degli squilibri potenziali ( programmati con intelligenza) e sociali, sono sempre lontane  decenni, se paragonate ai livelli tecnologici dell'occidente industrializzati. E qui mi fermo, anche se le religioni sono responsabili quanto gli altri potentati delle repressione e dello sfruttamento avvenuto in Africa per molti secoli.
Unica cosa e unica che rimane da fare ai nativi africani oggi, é fuggire, e lo fanno malgrado per costrizione, e in molti caso con false promesse.
In Europa esistono delle correnti politiche manovrate, guarda caso dalle multinazionali e da forze finanziarie che si sono sostituite alle sovranità nazionali, la quale, erroneamente sostengono che in Europa c'é bisogno di circa 30- 40 milioni di extracomunitari  per assolvere a lavori umili che gli europei non vogliono fare piú. É la balla del secolo utile solo ad abbassare il costo del lavoro, quindi il benestare di milioni di europei la quale dovranno adeguarsi alle stesse regole di sfruttamento adoperate per gli extracomunitari.
Una manovra di regressione sociale in grande stile, perpetrata da strategie politiche cieche e obbedienti a quelle forze economiche che sostituiscono lo stato sovrano, e che ho già menzionato, comprese le istituzioni Cattoliche che ancora crede che nella povertà si trovi la condizione giusta per praticare il proprio dominio e di acquisizione di anime in pena.
Ecco il perché del grande esodo epocale che vede gli africani confluire a milioni verso i confini della vecchia Europa.
L'unica cosa che incontrano é l'ipocrisia che gira intorno ai salvataggi in mare prima, e sulla terra ferma poi, dove tutti si ritrovano internati con una limitazione drastica della loro libertà. Illusione pura. Già da subito si rendono conto e constatano che poi non é tutto oro che luccica, neppure nel paradiso che sognavano. e di cui hanno sentito parlare per anni prima dell'incosciente decisione che poi in massa li ha portati a partire.
Certo poi le misure di sicurezza sono necessarie e ció rende le cose piú difficili e complicate; la politica parla di progetto integrativo se nza che esistano vere intenzione né tanto meno progetti e concreti, che tracciano un inizio e una fine;  tutto é così vago e lontano dalle possibili fattibilità, e tradotto significa investire in problemi gravosi ch e si abbattono sulla società nel prossimo futuro.
SOLO IL 15- 20 % DI QUANTI ARRIVANO FUGGONO DA SITUAZIONI DI GUERRE O DI ALTRE FORME REPRESSIVE; CHE POI SONO STATE SCATENATE COMUNQUE DA INFLUENZE EXTRA AFRICANE, E INSIEME A QUELLA APPARENTEMENTE MORBIDA DELLE MULTINAZIONALI NATURALMENTE.
Sarà inutile ribadirlo ma la cosa piú giusta da fare é aiutarli in Africa. Il mondo intero dovrebbe sentirsi in dovere e soprattutto in debito nei confronti dell'Africa, ma non é con la falsa e ipocrita faccia della solidarietà e dell'ospitalità che si aiutano i paesi poveri. Quí si tratta prima di tutto di restituire il maltolto, e non lo si fa cacciandoli dall'Africa per schiavizzarli insieme agli europei costretti a raccogliere insieme le briciole di quanti banchettano a nostre spese..  

Mi piaceVedi altre reazioni
Commenta
Posta un commento