Il futuro a 5 Stelle

Il futuro a 5 Stelle
Il futuro con il Movimento 5 stelle é un dono del cielo

sabato 24 dicembre 2016

Abbiamo alzato la testa e la colpa di ciò che succede negativamente ora é nostra. Non é che abbiamo imboccato la strada giusta?

 Letterina del populista Babbo Natale agli Italiani

Si sono rubato miliardi di Euro dal MPS ma Di Battista sbaglia i congiuntivi. 
Potremo farne migliaia ormai di queste osservazioni per come il M5S viene trattato dai media nazionali.
Tutto colpa del M5S. Ci stiamo talmente abituando che non ci facciamo neppure caso ormai, e tanto meno giusta reazione. Anche perché la gente non é stupida, capisce e sa valutare.

I politici italiani hanno svenduto la sovranità alle banche e a una unione Europea che non esiste, che ancora non riesce neppure a parlare con una voce sola: avete mai sentito il presidente di turno parlare a nome di tutte le Nazioni? Mai, neppure sulla gravità degli attentati terroristici che hanno colpito alcuni paesi aderenti. In compenso pero parla Mario Draghi, Boss della BCE, quando c'é da martellare e bussare a denari ...
...  ma gli incapaci sono quegli del M5S, secondo loro!

Per quanto si possa trarre da un discorso filosofico sintetico dei migliori pensatori nazionali e non, bisogna dedurre senza ombra di dubbio che oggi chi governa ( guarda caso senza neppure essere stati eletti democraticamente ) governati a loro volta da menti piú o meno e cosiddette "illuminate", della trilaterale, del Club BilderBerg, della Goldman Sach, e dei potentati miliardari azionisti che cambiano i corsi naturali nelle economie locali, nazionali e mondiali ( vedi il piano Calergi ) poco hanno capito della tortuosa strada intrapresa e scelta dove fare camminare l'umanità del futuro; tanto meno hanno idea di quanto costa ai popoli tale stravolgimento nelle tradizioni, nel cambio di costume, nella perdita stessa di identità, e nel termine di sangue versato; nella perdite di vite umane nei conflitti che martoriano e martirizzano il genere umano.
Sono schiavi di una mondializzazione di cui non hanno ben chiaro gli effetti nel lungo termine ( ne sentissero i sintomi era già un segnale di speranza, invece zero, buio  ) e dove culmineranno i potentati articolati ma congiunti delle stesse egoistiche esigenze, che dominano su ogni altro organo istituzionale  democraticamente eletto, quindi anche su loro stessi se lo fossero.
Confusi e ammaliati dal luccichio del denaro, dai facili guadagni, che illusoriamente gli fa sentire piú in alto ad altri, nella scala elitaria del privilegio accecante.
Questo sono oggi i politicanti ingoiati da un sistema che ha impedito loro di guardarsi intorno e soprattutto nella coscienza, e che sua volta ha fatto dimenticare loro l'importanza nobile di tutti i mestieri umili nella società, che sono poi la vera fonte che permette loro di vivere, di sfamarli e di abbeverarli.
Ma é chiaro a ogni osservazione analitica dedurre che sono rimasti sospesi in un contesto lontano dalla realtà reale, distaccati anche dalle supremazie capitalistiche che gli comanda, e di cui sono ignari schiavi.
Galleggiano sul dissenso e sul consenso delle coscienze, e creano vortice di conflittualità infinita e nauseante, per trarne degli immediati vantaggi, e quindi dove si adoperano per sbarrare ogni focolaio di reazione insurrezionalistiche che dissente, cavalcando con presunzione l'idea ( calata dall'alto ) che l'indirizzo in cui condurre ogni scelta da intraprendere solo la loro é inesorabilmente giusta. Illusione pura!

Tradiscono le aspettative degli elettori e in ogni maniera possibile, saltando da un partito all'altro, inciuciando e facendo alleanze di convenienza strategica di parte. Sono talmente lontani dai bisogni del popolo, tant'è che la parola non viene neppure pronunciata; lo additano quasi con disprezzo: i populisti: nella sua espressione rappresentativa e manifestata su larga scala fa quasi paura, diventa insorgenza pericolosa da combattere, da criminalizzare, da spazzare via dalle scene mediatiche online, e dalle piazze quando esasperate esse si riuniscono e marcano l'esistenza fisica rappresentandosi e identificandosi nelle categorie bistrattate; delle fasce deboli spesso abbandonate al loro destino.
Il manganello diventa allora strumento persuasivo per sedare le insorgenze populiste, che magicamente sfilando per le strade e le piazze,diventano categorie di cittadini distinti: una volta sonoo gli studenti, un'altra i minatori del Sulcis, Un'altra ancora i pensionati, le tutte Blú, gli artiggiani, etc etc. "mancano solo i cervelli in fuga che si sono levati dai piedi da soli" e gurda caso questo qualche esponente governativo lo nota come fatto positivo; per il resto fatevene una ragione, e pensate quanto sia importante tornare alle urne in questo momento in Italia.
Non sia mai poi se questi populisti formano un movimento e decidono di rappresentarsi da se, perché stanchi di fare da materasso a una classe politica corrotta, scaltra, ingrata e vorace nell'appropriarsi di ció che non gli spetta e si merita; ma questo finché obbediscono ai signori della globalizzazione, all'Europa stessa, alla Germania della MERKEL non importa; tanto meno importa il debito pubblica se aumenta, anzi, "dateci sotto" sembra di carpire dal loro pensare.
Per attribuire delle colpe poi c'é il M5S se mai dovesse governare il paese. Se non altro si concederanno un periodo sabaudo per lavarsi anima e coscienza, usando come "lavatrice" il M5S. Di questo ne abbiamo già i sentori osservando quanto succede nel comune di Roma governato da Virginia Raggi del M5S.
Ogni metodo diventa buono: anche la menzogna ( non trovando altri appigli ) per denigrare e screditare il M e quella parte del paese che decide di insorgere e ribellarsi a decenni di deriva totale. Si diventa nemici da combattere, dei populisti, questo é certo.
Adottare metodi sani e innovativi che si verificano di contrasto agli standard tradizionali che garantisce loro certa supremazia e privilegi, non gli fa dormire la notte; guai poi chiedere garanzie attestate a chi intraprende la carriera politica come si fa nel M5S (non sia mai potesse derivare da tale condotta una classe dirigente nuova e onesta) "firmando un contratto" con Grillo e la Casaleggio associati appunto.
Ogni linea alternativa nel cambiamento, per i politicanti dei partiti "tradizionali" diventa argomento da controbattere nei confronti televisivi come fossero motivazioni spregiudichevoli e illegali da rimproverare a prescindere ( ci vuole una certa faccia, probabilmente da culo, ma lo fanno lo stesso ). Siamo all'assurdo!
Ma non finisce qui!
fossero loro cristallini, immuni e senza macchia, avrebbero potuto anche fare leva sull'assurdo che siano, tali restano le loro insignificanti accuse, ma si da anche il caso che:
Il PD risponde a personaggi come Di Benedetti e altre istituzioni private
FI risponde alla casta Berlusconi
Lega Nord agli industriali della val padana, e a qualche giostraio disorientato.
NCD Di Alfano ai mafiosi siciliani e alla casta del Burlesca.
Casini ai vecchi poteri occulti dell DC, sempre dalla parte del piú forte, ma non della correttezza, né dalla parte dei cittadini che addita come populisti a cui non bisogna mai dare voce, tanto meno diritti.
Il quirinale risponde ai voleri di Re Giorgio anche dopo il mandato scaduto, e Dio solo sa e conosce le trame di quest'uomo impegnato in politica da una sessantina di anni, quando comincio a masticarla negli albori della seconda guerra mondiale simpatizzando per il regime mussoliniano; da allora da destra a Sinistra ( e questa seconda collaborando anche per distruggerla, per altro) come in uno stato perenne di ebrezza, di salti né ha fatti. Che il suo operato sia convenuto al bene di tutti gli italiani, beh ! Questo é tutto ancora da dimostrare e verificare. Da quel che fin'ora é emerso, é che la maggioranza degli italiani mai si sono sentiti rappresentati da lui, e questo, insieme alla sua barcollante salute dovrebbe bastarli per ritirarsi a vita privata per godersi quanto l'Italia gli ha dato. La coerenza non fa per lui, neppure se ridotto a rappresentare solo un circolo ristretto di presuntuosi, a loro dire: salvatore di una Patria che hanno contribuito a degradare e distruggere.
...e poi Dalema, l'uomo dei perenni inciuci, dalle facile  e pericolose alleanze con Berlusconi, l'uomo che bombardò la Serbia, che chiamò la sua barca Icaro credendo che volasse, l'uomo che aveva una banca, l'uomo che ha lasciato divorare la sinistra italiana da una destra ingorda e affamata, l'uomo che nessuno piú eleggerebbe ma continua a tessere trame e influenzare presuntuosamente gli scenari della politica Italiana, etc. etc., ma dato per scontato, la casaleggio associati e Beppe Grillo non possono essere garanti, e dico solo garanti, del M5S, di ció che per altro hanno creato, e non vorrebbero perdere la faccia nel caso il M si infestasse di infiltrati piddini ( o "peddizzoni" guardare il significato nel vocabolario Sardo) mandati da loro, per destabilizzare e distruggerlo dall'interno. Questo sono le garanzie pretese da Grillo e da Casaleggio; chiaro che delle simili precauzioni non piacciono vero? Ma guarda un po!

E poi Roma: decenni di incurie, intrecci fra mafia e politica, appalti irregolari, miliardi sottratti all'amministrazione pubblica, strade in dissesto, Archeologia sfregiata e abbandonata alle insidie del tempo, mezzi pubblici a spinte, campi Rom abusivi, e speculazione sugli stessi, case che crollano, la metropolitano già ai tempi di Bottino Craxi, con miliardi di sperperi e ruberie, le statue e le fontane rubate..Etc. Etc.
Virginia Raggi, sindaco di Roma del M5S da qualche mese, piú di 200 emendamenti approvati e altrettanti in corso. La donna che con tutta la forza é entrata in contrasto con il malaffare, la donna che stá facendo pulizie generali a palazzo ( in questo consiste anche il difficile compito delle nomine, e nel cercare interlocutori affidabili ) la donna che ha detto NO alle olimpiadi e ai palazzinari. La donna che stá facendo tremare le potenti mafie capitoline che si stavano mangiando la città. Virginia la donna della speranza per quella gran parte di Roma sana, meritevole e onesta.
Peró per i media asserviti e per  la politica partitocratica tradizionale é colpa sua se Roma in parte si presenta ancora é la città disordinata e piú corrotta d'Italia. Ma se Virginia, come dicono é incapace, come fa ad essere responsabile di tutto ció che la accusano?
Qualche cosa non torna é chiaro?

Prendetevi tempo ma ragionateci e fatte le vostre valutazioni...

Di Barolus Viginti
il populista
Posta un commento