Il futuro a 5 Stelle

Il futuro a 5 Stelle
Il futuro con il Movimento 5 stelle é un dono del cielo

martedì 30 luglio 2013

Il giorno del caimano

Oggi arriva la sentenza in cassazione per Silvio Berlusconi. Azzi acidi!
 Lui aspetta la condanna o l'assoluzione come spera, prega e auspica, chiuso a palazzo Grazioli attorniato dai parenti piú stretti, complici; si stringono interno all'imputato per solidale umanità e per non farlo sentire solo, poerello.
 Apparentemente tranquillo ma teso come una corda di chitarra fuori tono, viso cadaverico in colore grigio violastro che neppure 6 chilogrammi di fard riescono a coprire, la tensione nell'aria si taglia fette; anche il cagnolino lechinese che avverte il voltaggio si é accucciato nel sottoscala e non s'é piú mosso da quando é arrivato a palazzo dentro la borsetta della fidanzata.
A nessuno pare sia concesso consultarlo, neppure i suoi piú stretti collaboratori, escluso Gianni Letta e Paolo Bonaiuti che hanno potuto farli visita di cortesia, di complicità, di inciucio, e hanno lasciato Palazzo Grazioli prima dell'arrivo della figlia Marina e seguito.
Solo la scugnizza napoletana pare riesca a consolarlo e a trovare le parole giuste per tenerlo "in vita" su di tono diciamo; una volta con una carezza, un'altra con la promessa che lo verrà a trovare in carcere vestita da giudicessa e gli porterà i babá al Rum che gli piacciono tanto insieme alla tortiera napoletana che fa la nuora che pure stravede per lui .
Ma non per questo gli aficionados siano tutt'altro che quieti: la Santanchè espone le sue strategie di attacco minacciando di andarsi a incatenare insieme agli altri alle inferriate del Quirinale, il materiale per farlo con lucchetti a combinazione numerica pare sia messo a disposizione e offerto dalla benemerita.
Tutti in fibrillazione quindi, d'altronde anche i piú agguerriti criminale si fanno le loro attenuanti e le giustificano affinché vengano creduti.
 La giustificazione piú indegna arriva da piú parti ed é quella di farsi barriera con  10 milioni di elettori
(che poi realmente sono meno di 9 milione, una spanna in piú del M5S)
come se i voti sono la delega consensuale dei cittadini a commettere reati e non ad amministrare la cosa pubblica in modo onesto e con trasparenza cristallina. No fanno neppure conto che gli elettori di Berlusconi che lo  hanno votato il 25 Febbraio, in percentuale imponente lo hanno abbandonato, dal che i voti in questione sono allo stato attuale abbondantemente scaduti, bisogna aspettare le prossime elezioni quindi per parlare di consensi, che come detto, i suddetti consensi non sono da usare a piacere proprio personale per giunta come para fulmine dalle sue beghe processuali.

Una sola cosa mi riamane da dire: premesso che le sentenze dei giudici vanno rispettate a priori, in caso di assoluzione, o rinvio o che si voglia sarebbe comunque un insulto all'Italia che crede nella giustizia, del giusto ragionare di fronte a tutti gli uomini uguali di fronte alla giustizia, e del giusto principio di uguaglianza sui diritto umani.
L'Europa e il mondo ci guarda, sanno tutto di Berlusconi, sono infornatissimi e aspettano giustizia..

 Barolus Viginti
Posta un commento