Il futuro a 5 Stelle

Il futuro a 5 Stelle
Il futuro con il Movimento 5 stelle é un dono del cielo

sabato 16 luglio 2016

La notte dei sonnambuli (Golpe in Turchia)


La notte dei sonnambuli ( Golpe in Turchia)
Se non altro per cancellare la delusione del golpe fallito in Turchia, né potrebbe uscire una storia surreale da raccontare come si fa nei Best Seller di fantasia, o in un sogno, e per altri magari come in un vero incubo.
Tutti aspettavano con ansia la caduta di Erdogan ma evidentemente il piano non ha funzionato, non ha funzionato perché per estromettere un governo legittimo ( eletto con elezioni truccate ) non basta bloccare dei ponti, gli organi di informazione e circondare il palazzo presidenziale. Un golpe funziona solo se cadono le teste al comando; mentre quelle invece sono rimaste libere ed efficienti nelle loro funzioni.
Ma a parte la maldestra figura di quella parte di forze armate deviate, insorte contro il regime, la caduta di Erdogan in effetti faceva comodo a tutti, anche ai paesi Nato di cui la stessa Turchia fa parte. Erdogan é un personaggio dalle tante facce, non tanto ben voluto in Patria, e neppure all'estero, nonostante il potere che impersona e i rapporti di affari internazionali, per altro unico collante che garantisce "friendship", quindi anche apparente stabilità Nazionale e internazionale. Un fantoccio scomodo; uno spaventa passero temuto e odiato. Uno sciacallo in Siria.
 Insomma, Erdogan: spietato con gli avversari politici e con chi insorge, carnefice con le minoranze, in particolare con i Curdi; nemico del regime siriano da cui approfittando del caos provocato da lunghi anni di guerra, riesce a razziare di tutto come uno sciacallo .
Erdogan poi che vuole entrare in Europa ma non trova giustamente i consensi necessari. Grazie a Dio. Erdogan sostenuto dall'Europa (in mancanza di altro) quasi con certa costrizione, ma quello é e con lui bisogna dialogare. Erdogan che bisticcia con la Russia, che minaccia l'Egitto, che ammonisce Israele e guarda in cagnesco gli americani. Erdogan instancabile cane da combattimento che difende solo i suoi interessi, la sua casta, la sua tribù.
Erdogan  che fa il muso duro sul groppone della Nato, ghigna col suo manto che nasconde la bestia; immune, quasi invulnerabile, impunito, e a mala voglia punto di riferimento nelle grandi decisioni geopolitiche del mondo; ma anche un altro per il resto del mondo andava bene.
Erdogan quindi, il potente "Sultano" per quel che ha fatto e per quel che potrebbe ancora fare, in fine dei conti non interessa e non serve più a nessuno, se non a quella ciurmaglia di nomenclatura che rappresenta. Questo è il quadro la cui cornice inadeguata stava per essere rimossa in modo maldestro.
Un vero peccato che il golpe sia fallito; dal che dopo ore di silenzio di ansia e suspense, il mondo piano piano ricomincia bisbigliando a sostenere il governo legittimo... (che notata)

Mica vero: forse era un sogno!? Detto fatto, Erdogan é ancora il dittatore della Turchia, pardon, il presidente della Turchia, ma non di tutti i Turchi, anche se cambiare le cose con un colpo di Stato non é certo una bella soluzione. In rapporto del livello di democrazia acquisito, e dal sinistro sentore che spesso pare sia tutto un'illusione, il golpe non poteva essere una buona idea, ma il regime assodato ai turchi stá molto ma molto stretto...

MODIFICATO 17.07.2016
24 ore dopo il golpe:
Si sapeva; Erdogan non ha mai amato il contraddittorio, quale migliore occasione per fare tabula rasa per eliminare tutti gli oppositori. Alla sbarra infatti finiscono Giudici: tantissimi, se né contano giá 2500 circa, a cui é stata privata la libertà, e poi militari di ogni grado, qualche decina, giá giustiziati sommariamente senza tanti complimenti, e ancora, avversari politici e non mancano altre categorie negli alti ranghi di commando. Insomma Erdogan non aspetta a infliggere la sua cruenta vendetta, che sicuramente si protrarrà fino alle prossime settimane finché non finisce il lavoro; questo é certo!
Si sa anche che era in declino di consensi, ma il fallito golpe rivitalizza la posizione di Erdogan, insomma, né esce piú forte e accusa gli Americani di avere architettato e appoggiato i golpisti.
Difficile credere però allo scaltro Erdogan: 1) perché é noto che gli americani i golpe gli fanno in modo diverso in terra altrui, e ci riescono sempre; non né viene fuori nulla di buono, ma spazzano via tutto puntando prima di tutto sugli organi di comando. 2) Conoscendo un po la bestiolina, chi ci dice che non sia stato lui stesso a mettere sú il maldestro e finto golpe.
I servizi Turchi non hanno mai creato problemi a Erdogan, anzi, in occasioni di bisogno gli hanno tolto il culo dalle brace. Forse in questo caso é successo la stessa cosa...il problema ora é cosa né verrà fuori di tutta questa rinnovata forza. Di certo mi pare di capire che non saranno certo giorni distesi quegli a venire, in particolare per gli oppositori a cui giá é stata tolta la libertà e forse toglierà anche la vita. Poi c'è da seguire gli sviluppi sul braccio di ferro con l'America; con i toni distensivi che aveva intrapreso con la Russia, la quale ora potrebbe cambiare e costringere Putin alla prudenza.
Il quadro é chiaro di Erdogan non ci si puó fidare, e la fase piú critica di tutta la vicenda forse dovrà ancora venire...

di Barolus Viginti
Posta un commento