Il futuro a 5 Stelle

Il futuro a 5 Stelle
Il futuro con il Movimento 5 stelle é un dono del cielo

domenica 25 ottobre 2009

GUERRA FREDDA A BONARCADO di Salvatore Zuddas



Cosi immagino Grigula


GUERRA FREDDA A BONARCADO diSalvatore Zuddas
Rundine, Graigula e cracchedu sono i pseudonimi degli ultimi utenti arrivati sul forum di Bonarcado, é di loro che voglio parlare in questo capitolo. Sono loro gli impavidi rivoluzionari intenzionati a cambiare le sorti di Bonarcado con novità provenienti dal basso, che piú in basso non si può. Big Grigula e Rundine sono proprio determinati. Cracchedu invece é capitato per caso: ha fatto la sua entrata in modo molto originale, si é prodigato nel distruggere un mio precedente intervento commentandolo contrariamente in tutti i suo passaggi, lo ha fatto scrivendo in Sardo pressapoco cosi: lo lo dico in Sardo perché suona meglio: chidd'ada imboddiau cun s'italianu candu non ch'ischi faeddare ne s'unu ne s'atteru; un pasticcio peggio del lodo fiscale. Inoltre, per scarsa conoscenza mi ha accusato che il contenuto non era farina del mio sacco; mi faccia vedere lui piuttosto la sua di Farina che a me pare sia "Poddine pro puddas".
Insomma i due Big sono decisi anche a costo di inimicarsi con le suore il prete e tutto il seguito, cioè mezzo paese. Pare che l'idea sia di abbattere certi tabù, vogliono togliere loro tutte le funzioni della quale da secoli (affrontando, carestie, ignoranza ed epidemie) si occupano. Mi garberebbe di vedere chi va a celebrare l'omelia e la messa cantata la domenica mattina..
Non ci avrei mai creduto, ma si sa in politica può succedere di tutto. Con l'era Berlusconi all'amaro ormai, i pensieri volano stimolando la creatività per trovare nuove opzioni. Bonarcado in questo non può rimanere indietro, ed ecco che il tempo ci regala i nuovi Saladini. Solo che questi signori, forse accecati da precedenti personali, non hanno ancora fatto i conti con chi hanno a che fare: uno può dire ció che vuole del clero ma meno che essi siano ignoranti. Ma forse non sono poi tanto sprovveduti, visto che per sferzare i primi attacchi si nascondono dietro un nick senza simboli o stendardi, un po vigliacchetti., ma prima o poi saranno costretti a far vedere le loro faccie.
Il clero naturalmente rivendicherá la sua funzione e ne ha diritto, non saranno certi due asini patentati a turbare la loro serenità. Quando in quel di Bonarcado c'era molto meno di adesso e fra la gente regnava solo l'istinto naturale, il clero c'era, e se molti hanno avuto un minimo di illuminismo e di educazione lo si deve anche a loro. Le suore che con la loro voce e le loro mani hanno curato ciccatrici e alleviato il dolore a chi ne ha avuto bisogno. Cos'é adesso questo anticlericalismo proprio qui a Bonarcado? Sarebbe curioso da vedere se al posto della Basilica e del Santuario ci volessero costruire un centro commerciale. E poi perché allora rivendicare e portarsi vanto del   "su condaghe" che é bassato sull'insegnamento e l'ispirazione Cristiana.
Piuttosto auspicherei che si instaurasse un dialogo costruttivo con tutte le parti. Bisogna smetterla con destra, sinistra, comunisti e fascisti, ma smetterla nel vero senso della parola. Se veramente volete cambiare bisogna innanzi tutto mediare. Anch'io concordo sulla necessità  che ci sia bisogno di una scuola materna e altre strutture gestite dai privati o dal servizio pubblico. Ma come si fa se il paese non fa degli sforzi per creare una rete rete sociale forte,  posti di lavori, aumento demografico etc etc.  Capite a me,non si può a me pare improbabile cercare di edificare partendo dal tetto. E poi io non vedo tutti questi rimbambiti a causa dell'educazione Cristiana. Date retta lasciate stare l'acqua vite, il cervello in assenza di alcol aiuta a vedere il mondo con un'altra ottica. Alla prossima. continua


IL CONDAGHE DI SANTA MARIA DI BONARCADO in PDF dalla Regione Sardegna

Pubblicato da Paolo Congiu
Barole segnala la possibilità di avere una copia in formato digitale di "IL CONDAGHE DI SANTA MARIA DI BONARCADO". messa a disposizione sul sito della Regione Sardegna SardegnaCultura.it. "I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA".
http://www.sardegnacultura.it/documenti/7_26_20060401174222.pdf

Posta un commento